"UNPLUGGED": A SCUOLA UN PROGRAMMA EFFICACE PER LA PREVENZIONE

L’Osservatorio Epidemiologico delle Dipendenze (OED), in collaborazione con l’Assessorato alla Tutela della Salute e Sanità della Regione Piemonte e con l’Ufficio Scolastico Regionale, sta promuovendo in tutte le scuole secondarie di primo e secondo grado delle province piemontesi un programma di prevenzione all’uso e abuso di tabacco, alcol e altre sostanze, denominato Unplugged.
Si tratta di un programma di prevenzione delle dipendenze e promozione della salute basato sul modello dell’influenza sociale, disegnato, a partire dalle migliori evidenze scientifiche, da un gruppo di ricercatori europei e valutato nell’ambito dello studio EU-Dap (European Drug addiction prevention trial).

Allo studio EU-Dap, coordinato dall’OED, in collaborazione con l’Università degli Studi di Torino e con l’Università del Piemonte Orientale “A. Avogadro”, hanno partecipato 9 paesi europei, 143 scuole e più di 7000 ragazzi di età compresa tra i 12 e i 14 anni
I risultati della valutazione mostrano che il programma è efficace nel prevenire e ritardare l’uso di tabacco, alcol e cannabis.
“Unplugged” è quindi il primo programma europeo di provata efficacia, riconosciuto ed inserito nella Relazione Annuale sullo stato delle tossicodipendenze in Italia (anno 2008) e nei Progetti Regionali “Guadagnare salute in adolescenza”.
Unplugged mira a migliorare il benessere e la salute psicosociale dei ragazzi attraverso il riconoscimento ed il potenziamento delle abilità personali e sociali necessarie per gestire l’emotività e le relazioni sociali, e per prevenire e/o ritardare l’uso di sostanze.

Unplugged è basato sul modello dell’influenza sociale, e ha l’obiettivo di:

    • favorire lo sviluppo ed il consolidamento delle competenze interpersonali
    • sviluppare e potenziare le abilità intrapersonali
    • correggere le errate convinzioni dei ragazzi sulla diffusione e l’accettazione dell’uso di sostanze psicoattive, nonchè sugli interessi legati alla loro commercializzazione
    • migliorare le conoscenze sui rischi dell’uso di tabacco, alcol e sostanze psicoattive e sviluppare un atteggiamento non favorevole alle sostanze